Dopo Luxury Packaging due giovani creativi entrano in Goretti

Era una calda e soleggiata giornata di luglio, quando Goretti apriva le porte dell’azienda per accogliere il workshop sperimentale in Luxury Packaging realizzato in collaborazione con l’altra fedora festival (il racconto del workshop lo trovate qui). La restituzione delle due giornate prevedeva l’esposizione in sede dei lavori finiti: 11 prototipi di confezioni di lusso.

Perché raccontiamo di nuovo questa storia? Perché per alcuni partecipanti, l’esperienza in Goretti continua.
Sono due i nuovi creativi selezionati dall’azienda che proseguiranno il loro percorso con uno stage retribuito: Caterina e Gianpiero.
Loro sono già al lavoro e li abbiamo intervistati.

L’INTERVISTA A CATERINA

Presentati, chi sei? Caterina Arcangeli.
Qual è il tuo motto nella vita? “La vita è questa. Nulla è facile. Niente è impossibile.”
Quando sei arrivato in Goretti? Sono arrivata in Goretti ad inizio ottobre.
Qual è stato il tuo primo compito in azienda? Il compito che mi è stato affidato, insieme ad un altro ragazzo, è stato quello di analizzare e successivamente implementare il miglior modo per poter vendere un nuovo prodotto.
Chi è la tua fonte di ispirazione? Una mia grande fonte di ispirazione è Rita Levi Montalcini. Una donna che ha saputo raggiungere i più alti riconoscimenti grazie allo studio e ad affermarsi in un’epoca prettamente maschilista. Più in generale però, mi sono di ispirazione tutte quelle persone particolarmente preparate e positive.
Tre parole per descriverti: empatica, curiosa, dedita.
Qual è il tuo strumento di lavoro preferito? Il mio strumento di lavoro preferito resta carta e penna. Nonostante riconosca l’importanza e la comodità delle nuove tecnologie, ogni volta che ho bisogno di fissare un’idea o fare il punto della situazione per comprendere come meglio procedere, non c’è niente che mi aiuti di più che scrivere nero su bianco.
Cosa ti piacerebbe portare di te in azienda? Mi piacerebbe portare il mio entusiasmo e la voglia di fare bene per poter raggiungere sempre nuovi risultati.
Cosa ti piace fare quando non lavori? Quando non lavoro mi diletto con il giardinaggio, mi rilasso nel fare lunghe passeggiate con il mio cane Simba, vado in palestra e mi riposo leggendo libri.
Cosa ti piacerebbe fare da grande? Da grande mi piacerebbe fare un lavoro che mi permetta di essere motivata, in cui ci siano stimoli che mi permettano di mettermi alla prova per crescere come persona e professionalmente.

L’INTERVISTA A GANPIERO

Presentati, chi sei? Gianpiero Macina.
Qual è il tuo motto nella vita? “C’è gente che sa tutto, e purtroppo è tutto quello che sa.” O. Wilde.
Quando sei arrivato in Goretti? Inizio Ottobre 2018
Qual è stato il tuo primo compito in azienda? Trovare il miglior modo di vendere un nuovo prodotto.
Qual è la tua fonte di ispirazione? Parlare con persone sagge.
Tre parole per descriverti: spontaneo, ottimista, sensibile.
Qual è il tuo strumento di lavoro preferito? Adobe Illustrator.
Cosa ti piacerebbe portare di te in azienda? Le mie osservazioni e la mia creatività.
Cosa ti piace fare quando non lavori? Passeggiare e condividere le mie passioni con altri.
Cosa ti piacerebbe fare da grande? Il consulente strategico di branding.

2018-11-29T19:10:03+00:00